presS/Tletter
 

Parte 1: 1890-1905 – Capitolo 1: Precursori

1.2 Sullivan e Wright

Wright  è un personaggio multiforme e solo con difficoltà può essere classificato all’interno di un solo stile o tendenza.

Nato nel 1867, è di un anno più anziano di Mackintosh e di Behrens (1868), di tre di Loos (1870), di quattro più giovane di van de Velde (1863). Nel 1887, dopo aver lasciato a metà l’università, si trasferisce a Chicago, una città in piena espansione economica e in cui una nuova generazione di architetti sta producendo i primi grattacieli, grazie all’introduzione del sistema a ossatura metallica e dell’ascensore.

 

 

FLL Wright, Unity Temple

È un momento esaltante, segnato da continui avanzamenti tecnologici e da una nuova estetica fondata sulla sincerità strutturale, sul perseguimento dell’economia nella realizzazione, sul ripensamento dell’ornamento ridotto all’essenziale e, in ogni caso, razionalizzato in forme standardizzate e ripetibili.

Nel 1879 e nel 1889 William Le Baron Jenney con i due Leiter Building realizza edifici commerciali con struttura in ferro. John Wellborn Root con il Monadnock Building del 1891, caratterizzato dall’ondulata sequenza di bow window e nelle magistrali rastremature degli angoli, si avvicina ai venti piani. Daniel Burnham con il Reliance Building realizza un prototipo di grattacielo con perfetti gradienti chiaroscurali.

 

Wright entra, dapprima, nello studio di Joseph Lyman Silsbee, assertore dello Shingle Style, un pasticcio eclettico ma immune da tendenze classiciste; poi lavora nell’ufficio di Beers, Clay & Dutton per trasferirsi definitivamente da Adler & Sullivan. È uno dei più importanti studi della città, gestito da due figure complementari: Dankmar Adler, solido sotto l’aspetto professionale e tecnicamente preparato, esperto come pochi di acustica, e Louis Sullivan, artisticamente geniale, esuberante, generoso, ma umanamente sprovveduto.

Wright legherà subito con il secondo, di pochi anni più vecchio di lui (Louis è del 1956, mentre Adler è del 1944), definendolo “lieber Meister”, l’amato maestro. Insieme discutono a lungo, lavorando a numerosi progetti, tra cui l’auditorium di Chicago, un complesso polifunzionale nell’attico della cui struttura trasferiscono lo studio.

 

Nel frattempo, sposa Catherine Tobin e, grazie a un prestito concessogli dal principale, acquista un terreno a Oak Park dove costruisce la propria casa e inizia, di nascosto, a svolgere un’attività privata collaterale, anche per mantenere una famiglia sempre più numerosa. Disegna una decina di abitazioni, corrette ma nessuna di particolare interesse. Servono a sondare le possibilità espressive di tutti gli stili: dal romanico al rinascimentale. Il lavoro viene scoperto da Sullivan, che lo licenzia per aver rotto i termini contrattuali di esclusività che lo legavano allo studio.

 

I tempi, dopo la prima fase pionieristica, stanno però per cambiare, diventando sempre più difficili per l’innovazione architettonica. Poco prima di essere licenziato, Wright partecipa con Sullivan all’esposizione colombiana di Chicago del 1893.

Può così vedere l’inizio di una progressiva emarginazione del maestro, l’affermarsi dello stile Beaux-Arts, il trionfo di un retorico e bianco classicismo, la fine del periodo eroico della scuola di Chicago, l’esaurirsi della ricerca libera dai condizionamenti stilistici, l’abbandono di una creatività esuberante che, pur confrontandosi con la felicità formativa del liberty, non ne accetta le frivolezze ed è in continuo dialogo con le forme della natura.

 

Sullivan, in occasione dell’esposizione, realizza una stupefacente Golden Doorway per il Transportation Building che gli è affidato. È una serie concentrica di archi rientranti inscritta in un portale a riquadri prefabbricati caratterizzati da bassorilievi floreali. Ha insieme forza plastica e lirismo decorativo. Non mancano due piccole pagode laterali tanto belle da infischiarsene di ogni effetto kitsch. I commenti dei visitatori sono scioccati. Il corrispondente dell’australiano “Melbourne Argus” giudica l’opera come la peggiore dell’intera esposizione. Vi sono anche voci di aperto plauso. Il critico della “Revue des Arts Décoratifs” elogia l’edificio senza riserve.

Il giovane  Adolf Loos certo assiste all’esposizione: conserverà di Sullivan un buon ricordo.

 

Il destino di Sullivan, che dal 1895 si separa da Adler, è segnato da un lento e inesorabile declino, accelerato dall’alcolismo. Wright, nel pieno delle sue energie, aggiunge alla casa di Oak Park il corpo dello studio e inizia una brillante carriera di architetto. Delle sue opere residenziali abbiamo brevemente accennato. Vi sono poi gli edifici a carattere pubblico. Due spiccano: il Larkin Building di Buffalo e il Tempio unitario di Oak Park.

 

L’edificio per l’amministrazione della Larkin Co. di Buffalo, realizzato tra il 1904 e il 1905, è uno spazio unitario a tutt’altezza, segnato da un gigantesco ordine gigante su cui sono appesi i ballatoi destinati agli uffici.

Sembra l’esatta antitesi delle case che si aprono lungo lo spazio della prateria.

Sul fronte esterno appare come un forte assiro-babilonese in mattoni, ritmato da masse plastiche ad andamento verticale.

Sul prospetto laterale, concepito come un portale, sono incastrati otto pilastri giganti che scandiscono le finestre e una loggia che buca il volume mettendo in risalto giganteschi quanto astratti capitelli, trattati come inserti scultorei. L’edificio è introverso, calamitato verso lo spazio interno, quasi a vietare ogni contatto con l’esterno per stimolare la completa concentrazione sul lavoro.

All’interno è permeabile in ogni sua parte, per favorire la comunicazione ma soprattutto il condizionamento dell’aria. È considerato uno dei primi edifici ad aver adottato questa tecnologia innovativa.

 

Il Tempio unitario di Oak Park, a cui Wright lavora dal 1904, è fatto con pochi soldi, in calcestruzzo lasciato a vista.

Lo spazio cubico dell’aula assembleare dialoga con il più basso volume del corpo di servizio, composto anch’esso sulla matrice di tre quadrati perfetti leggibili in pianta. Anch’esso chiuso in se stesso, è uno spazio centrale.

FLL Wright, Unity Temple, foto @Ruggero Lenci

 

Per esaltarne la funzione è illuminato dall’alto da un cassettonato chiuso a vetri. Ricorda gli edifici rinascimentali per il controllo dello spazio ottenuto tramite l’articolazione plastica, marcata ed evidenziata, alla maniera brunelleschiana, da fasce e inserti (in Wright, però, sono in legno) e per l’intensa, quasi scenografica luminosità.

 

Nel 1905 Wright si reca in Giappone, alla scoperta di una cultura che conosce e che ha già apprezzato durante l’esposizione colombiana, dov’era stato ricostruito un tempio. Il viaggio avrà su di lui una notevole influenza. La casa giapponese gli appare come “un tempio di suprema pulizia ed essenzialità”.

È colpito dalla fluida spazialità di ambienti concatenati fra loro, separati da leggeri e scorrevoli diaframmi, dalla stretta integrazione tra edificio e natura. Impara dai giardini giapponesi l’arte di un ordine disordinato e l’artificio di miniaturizzare gli oggetti, per dare all’uomo la sensazione di una maggiore padronanza del proprio spazio esistenziale.

 

Si lascia affascinare dalle stampe orientali, delle quali diventa un collezionista e la cui vendita gli permetterà, in seguito, di affrontare momenti economicamente difficili.

La cultura giapponese, insieme a quella mesoamericana, che studia negli stessi anni ma approfondirà dopo la guerra, saranno le strade obbligate per sfuggire al classicismo e al formalismo Beaux-Arts. In questo, il suo profilo non è dissimile da quello degli artisti parigini e tedeschi che negli stessi anni scoprono le maschere africane e le culture primitive, sorretti dall’ipotesi che tali arti fossero più vicine al vero di quelle passate attraverso i filtri del formalismo e dell’accademia.

 

A partire dal 1905, Wright condensa il proprio credo in una serie di articoli dal titolo In the cause of architecture, che appaiono sulla rivista “The Architectural Record”.

Sei i principi messi a fuoco. Costituiscono il nucleo dell’architettura organica.

Sono: misurare l’arte attraverso la semplicità e il riposo; consentire tanti stili quante sono le persone; lasciare che un edificio fiorisca dal contesto e si armonizzi con l’ambiente; armonizzare o “convenzionalizzare” i colori con l’ambiente circostante così come avviene in natura; rivelare e non nascondere la natura dei materiali; costruire con carattere ed energia piuttosto che in accordo con gli stili predominanti.

L’obiettivo è ambizioso: riconciliare architettura e natura per rimettere l’uomo al centro del cosmo vivente. Il grande focolare posto al centro di ogni Prairie House sarà l’esplicitazione simbolica di questa religione individualista e dai forti accenti panteisti.

 

FLL Wright, Robie House, foto @Ruggero Lenci

 

Attraverso l’insegnamento e l’influenza di Wright, lo stile Prairie si diffonde a Chicago e nel Midwest. Conterà protagonisti di un certo talento. Tra questi: Walter Burley Griffin, George Grant Elmslie e William Gray Purcell.

Saranno accomunati dall’amore per la dimensione orizzontale, per tetti lunghi e sporgenti, per la scelta di materiali naturali e anche per un modo inconfondibile nel presentare i loro progetti, immersi in un delizioso fluire di alberi e di fiori.

 

 

Leave A Response