presS/Tletter
 

Parte 1: 1890-1905 – Capitolo 1: Precursori

1.3 Wagner, Olbrich, Hoffmann

Se in America Sullivan e Wright assimilano la rivoluzione dell’Art Nouveau senza lasciarsene imprigionare, caricando la ricerca di tensione ideale e preparando le basi per l’architettura contemporanea, in Europa, tra il 1905 e il 1914 registriamo la presenza di alcuni personaggi di eccezionale levatura.

Intuiscono che sta mutando il quadro di riferimento e non esitano a mettere in crisi ideologie e poetiche. In Austria sono Wagner, Olbrich, Hoffmann, in Scozia Mackintosh, in Olanda Berlage, in Belgio Horta e van de Velde. In Spagna, negli stessi anni, un genio solitario, Gaudí, sperimenta una architettura insieme arcaica e moderna, dalle ancor’oggi insondate potenzialità.

 

Joseph Maria Olbrich , Palazzo della Secessione viennese

Vi sono, infine, i francesi Perret e Garnier. Il primo pone in termini estetici innovativi il problema dell’uso del cemento armato, il nuovo materiale da costruzione con il quale sarà realizzata buona parte della produzione edilizia a venire. Il secondo mette a punto uno schema innovativo di città industriale intuendo che il problema della nuova architettura e’, in primo luogo, quello della sua contestualizzzazione urbanistica.

Otto Wagner si forma nel clima classicista. Studia i testi e i progetti di Karl Friedrich Schinkel, Gottfried Semper e Theophil Hansen. S’ispira alla grande maniera viennese, non estranea a sollecitazioni baroccheggianti.

Dal 1894, con un rapido mutamento di fronte, si fa affascinare dall’Art Nouveau anche se ne rifiuterà gli eccessi. Tra il 1894 e il 1901 ne sonda, anche grazie alla mediazione di Olbrich, i principi negli edifici della metropolitana di Vienna. Nel 1895 pubblica le lezioni del primo anno di insegnamento all’Accademia di belle Arti. Titolo: Moderne Architektur.

Fermata della metropolitana, foto Chiara Quinzii

 

Le tesi sono innovative, anche se non dissimili da quelle sostenute in altri paesi da altri innovatori, per esempio van de Velde, che conoscerà nel 1897: occorre orientarsi verso la vita moderna, perseguire la semplicità, capire le nuove condizioni metropolitane, essere realisti nella scelta delle tecniche e dei materiali da costruzione. Entusiasma i discepoli che gravitano nel suo studio. Sono: Schöntal, Fabiani, Kammerer, Bauer, Ehn, i fratelli Gessner, Kotera, Plecnick, Perco, Schindler, Hoppe, Pirchau, Lichtbau, Olbrich, Hoffmann.

 

Afferma: “In questa nuova società non si può parlare più della scelta di uno stile come supporto alla creazione architettonica. L’architetto dovrà creare forme nuove o adattare quelle che corrispondono meglio alle attuali tecniche di costruzione e alle necessità del nostro tempo; solo così risponderanno a verità ”. E subito dopo aggiunge: “L’architetto può certo attingere al ricco forziere della tradizione: non copiare i modelli prescelti, ma adattarli ai propri fini rinnovandoli radicalmente”.

Lontano da ogni nostalgia medievaleggiante, Wagner realizza opere di misurata compostezza e di raffinata fattura. Tra questi il suo capolavoro è la Cassa di Risparmio Postale a Vienna, realizzato tra il 1903 e il 1912. Si caratterizza per il rivestimento denunciato come tale mediante bulloni a vista che fissano le lastre in pietra, per raffinati dettagli costruttivi di vago sapore macchinista e per una poetica degli spazi sobri, misurati, luminosi.

 

Cassa di Risparmio Postale, foto Chiara Quinzii

 

Cassa di Risparmio Postale, foto Diego Terna


Josef Hoffmann prosegue la strada del maestro verso la conciliazione tra forme nuove e motivi della tradizione classica. La sua opera più riuscita è il Palazzo Stoclet (1905-11), dove però si distacca da tale assunto per abbracciare una sperimentazione autenticamente moderna. L’edificio è sorprendentemente dinamico sia lungo l’orizzontale, grazie alla libera conformazione della pianta, sia lungo le verticali, grazie a una vibrante articolazione volumetrica che culmina con la caratteristica torre. 

 

Palazzo Stoclet, foto Diego Terna

Palazzo Stoclet, foto Diego Terna

“Personificazione”, secondo Edoardo Persico, “degli ideali più virili della borghesia europea”, Palazzo Stoclet è anche un’officina in cui lavorano i più importanti artisti della secessione: Klimt, Moser, Czeschka, Metzner, Minne, Khnopff.


Palazzo Stoclet, foto
Diego Terna

L’obiettivo è l’opera d’arte totale. Lo stesso che spingerà van de Velde a tagliare gli abiti per la moglie e, in America, Wright a disegnare vetrate e vasellami, facendosi aiutare da scultori e artigiani specialisti.

 

È Joseph Maria Olbrich, l’altro grande discepolo di Wagner, che con passione e felicità figurativa si muove con maggiore coerenza in direzione del rinnovamento delle arti e di una nuova stagione espressiva.

Responsabile, per conto di Wagner, dei lavori della metropolitana viennese, fonda nel 1897 con Hoffmann, Koloman Moser e Gustav Klimt l’associazione d’artisti della Secessione viennese. Tra il 1897 e il 1898 ne realizza la sede. È un volume cubiforme alla cui pesantezza si contrappone una leggerissima cupola in lamine dorate. Wright studierà ammirato questo edificio, abilmente giocato sulla logica dei contrasti.

Sede della Secessione, foto Chiara Quinzii

Autore di magnifici interni che ricordano, per fluidità spaziale e sapienza decorativa, quelli di Mackintosh e di Wright, Olbrich impegna tutto se stesso per la realizzazione di un centro da destinare alla ricerca e alla produzione artistica. L’occasione gli è fornita dal granduca Ernst Ludwig von Hessen, che vuole rilanciare l’artigianato e la produzione artistica del Granducato dell’Assia, ispirato da Baillie Scott e Charles Robert Ashbee, fondatore nel 1888 in Inghilterra della Guild and School of Handicraft.

 

Il primo progetto della colonia risale al 1898, quando il granduca chiama a Darmstadt il trentunenne architetto e altri sei artisti tra i quali il pittore e artista artigiano Peter Behrens. Nel 1899 si pensa di realizzare un edificio atelier circondato da cinque ville, una cisterna e un teatro all’aperto. Faranno parte di un’esposizione dal titolo emblematico: Un documento per l’arte tedesca. Olbrich prepara il progetto e le sue varianti.

L’inaugurazione della Ernst Ludwig Haus e delle prime costruzioni, insieme ai padiglioni espositivi, avviene il 15 maggio 1901. È centrata su uno spettacolo teatrale a forte effetto scenografico e con connotazioni romantico-simboliche, curato dall’abile regia del trentatreenne Behrens che afferma: “ la bellezza torna a essere per noi quintessenza della massima forza e al suo servizio nasce un nuovo culto. Ad esso noi vogliamo erigere una casa, una dimora in cui tutta l’arte si dispieghi solennemente a consacrazione della nostra vita”.

L’esposizione attrae un vasto pubblico. Tuttavia fallisce l’obiettivo principale di rendere economicamente accessibili i prodotti artigianali. All’insuccesso finanziario seguono le prime defezioni. Nel 1902 una parte di artisti lascia la colonia. Behrens si allontana l’anno successivo. Soltanto Olbrich, imperterrito, rimane a completare le opere iniziate e realizza nel 1908, anno della sua prematura morte, la stupefacente Torre degli sponsali, un’architettura a carattere espressionista come sospesa in un’atmosfera popolare fiabesca.

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

Leave A Response