presS/Tletter
 

 

Parte 1: 1890-1905 – Capitolo 1: Precursori

 

1.6 Gaudí

Chi della quiete non sembra sapere che farsene è Gaudí, personaggio del tutto atipico, fuori dal gioco delle grandi correnti architettoniche. Dalla Catalogna immagina un mondo dove arte, poesia, industria e artigianato convivono in sintesi sublimi.

Alieno da ogni fascinazione per l’ideologia del progresso, ammira le costruzioni in fango del Nordafrica. Ne apprezza la semplicità dei mezzi, l’intelligenza della struttura, la profonda religiosità della forma. Divora i libri di Ruskin, affascinato dal vigore e dalla tensione morale dell’uomo dai grandi ideali. Ultracredente – ne è stata di recente proposta la beatificazione – crede all’eticità di un mestiere in cui arte e moralità sono tutt’uno. Rifugge l’arbitrarietà, ma intuisce che le forme meccaniche sono il frutto di una semplificazione insopportabile.

 

Antoni Gaudí, Casa Battló

Da qui una ricerca orientata verso tre poli: della verità strutturale, della perizia artigianale, dell’apertura simbolica.

Della verità strutturale perché è il solo modo intelligente per mettere insieme i materiali, per farli lavorare secondo le loro reali caratteristiche e, poiché la natura è data da Dio, per realizzare il disegno celeste.

Della perizia artigianale perché è il lavoro dell’uomo che rende gli oggetti degni di attenzione e, umanizzandoli, li trasforma in beni. Ecco il motivo per cui adopererà materiali poverissimi, quali pezzi di mattonelle, mattoni mal cotti, pietre spezzate: più la valorizzazione è difficile, più il lavoro è meritorio e alla fine premiante; più minuti i frammenti, più l’opera rassomiglia a un meraviglioso mosaico.

Dell’apertura simbolica, perché nulla ha senso se esprime solo se stesso, se non si collega ad altro e, in particolare, al trascendente. È nella sovrabbondanza dei significati, nella polisemicità dell’opera, nel caleidoscopico scambiarsi e sovrapporsi delle immagini che trionfa la ricchezza del creato. Motivo per il quale un baldacchino può somigliare insieme a una tenda, a un veliero, a una corona di spine; una chiesa a un termitaio e a una cattedrale gotica.

 

Vi è poi una scatenata fantasia spaziale che si manifesta già dalle prime opere. Il Palazzo Güell a Barcellona (1888), per esempio, si svolge intorno a un prodigioso vuoto centrale.

Tra il 1904 e il 1907 Gaudí è impegnato con casa Battló e tra il 1905 e il 1910 con casa Milá. La prima è caratterizzata da scaglie che la fanno assomigliare a un’increspatura marina, la seconda da concavità e convessità che producono un movimento sinuoso e plastico.

 Casa Battlò, foto Diego Terna

Potrebbe essere una scogliera, una pietraia, un masso oggetto a processo di erosione. Certo è che, con la sua forma, il blocco di casa Milá dà energia vitale all’altrimenti squadrata piazza su cui prospetta, negando così la rigida scacchiera della città di Barcellona. Dalla terrazza, punteggiata da splendidi camini, che vagamente ricordano i giochi elicoidali della cupola di Sant’Ivo di Borromini, s’intravede una possibile città alternativa, vitale, energica, parsimoniosa, colorata.

 Casa Milà, foto Chiara Quinzii

 

 

 

Arcaici sino al paradosso, i giardini del parco Güell (1900-1914) e la chiesa della Sagrada Famiglia (iniziata nel 1883, ma la cui costruzione è ancora in corso, come in un immenso cantiere medioevale) oscillano tra la dimensione ctonia e quella celeste.

Parco Guell, foto Chiara Quinzii

Esasperanti, eccessivi, certo fuori misura, i due complessi hanno la robustezza del dorico e la leggerezza del gotico. Sondano valenze inesplorate, aggrediscono il nostro sistema di valori con un potere comunicativo che di rado le opere di architettura riescono a raggiungere.

 Sagrada Familia,  foto Chiara Quinzii

 

Troppo antico e troppo moderno per essere capito dai profeti di una visione riduttiva e internazionalista dell’architettura contemporanea, Gaudí viene da questi dimenticato oppure giudicato in maniera riduttiva.

Non figura, per esempio, nella prima versione di I pionieri dell’architettura moderna di Pevsner e in Spazio, tempo e architettura di Giedion.

È difeso invece dai critici e dagli storici che rifiutano di considerare l’architettura contemporanea solo in chiave di astrazione postcubista, macchinista e funzionalista. Per questo motivo rappresenta una sorta di problema aperto, con cui la storiografia del moderno deve ancora confrontarsi.

 

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

Leave A Response