presS/Tletter
 

2.3.6: Dada e l’impossibilità di definire l’arte

 

Parte 2: 1918-1933 – Capitolo 3: Idee in guerra  

 

2.6 Dada e l’impossibilità di definire l’arte

Hugo Ball e Richard Huelsenbeck sono affascinati da Marinetti: dallo stile telegrafico, dall’uso delle parole come suoni puri, dalla scomposizione della frase, dalle parole in libertà.

Organizzano per lui una conferenza a Berlino nel 1914, qualche mese prima dell’entrata in guerra dell’Italia.

 

 

Cabaret Voltaire

 

Ball sfugge al conflitto, emigrando clandestinamente in Svizzera. Nel febbraio del 1916, convince il proprietario di un caffè sulla Spiegelgasse, una strada del quartiere abbastanza malfamato Niederdorf di Zurigo, a darglielo in uso in cambio di un incremento delle consumazioni. Sarà un punto di ritrovo per gli artisti, dal nome promettente di Cabaret Voltaire.

Sei giorni dopo l’apertura del cabaret, Huelsenbeck si trasferisce a Zurigo. Si aggiungono l’artista Hans Arp e i romeni Marcel Janco e Sami Rosenstok, quest’ultimo autore di poesie con lo pseudonimo di Tristan Tzara. I cinque sono molto diversi tra loro.

Ball è un letterato interessato più alla metafisica che alla concreta realtà delle cose. Arp è attratto dall’arte astratta, dalle forme sinuose e dai colori puri, che utilizza con maestria e leggerezza. Janco compone i suoi quadri, rigorosamente bidimensionali come fossero architetture, sostenendo, in linea con quanto si va sperimentando in Russia negli stessi anni, che l’arte è costruzione.

Tzara è un letterato affascinato dagli aspetti inconsci e contraddittori del reale, ha una fortissima personalità e una sfrenata ambizione. Huelsenbeck, di non minore ambizione, tanto che per anni contenderà a Tzara il primato dell’invenzione del termine Dada, è più interessato agli aspetti politici e polemici della nuova arte.

 

Nell’aprile del 1916 è inventato il nome Dada. Una parola che non significa nulla; un semplice suono. Sarà il nuovo titolo del periodico “Cabaret Voltaire”, di cui è già uscito un numero. Il 14 luglio del 1916 il dadaismo è ufficialmente proclamato. Lungi dall’essere un movimento strutturato e organizzato, è un insieme di persone diverse con ascendenze marinettiane, espressioniste, simboliste, astratte.

Al cabaret sono organizzate una serata russa e una francese, c’è una conferenza di Kandinskij e sono mostrati i quadri di Delaunay.

L’incontro di culture e personalità diverse crea situazioni nuove, soprattutto quando Tzara e Huelsenbeck, seguiti da Janco, inventano spericolate poesie a più voci, in più lingue, vere e fittizie, ritmate da un’inventata musica negra di travolgente ritmicità.

 

Le attività continuano anche dopo la chiusura del cabaret, spostandosi, a partire dal 1917, nei locali della Galerie Corray nella Bahnofstrasse, subito ribattezzati Galerie Dada. Vi s’inaugurerà una mostra su Der Sturm, saranno presentati anche il Manifesto della letteratura futurista di Marinetti e le composizioni poetiche di Cendras e Apollinaire. Nel marzo del 1917 una mostra dedicata ai precursori: Kandinskij e Klee.

Organizzate anche un’esposizione dei quadri metafisici dell’italiano Giorgio de Chirico e una di Max Ernst. Gravita sulla galleria il pittore Hans Richter, giunto in Svizzera per farsi curare una ferita ricevuta al fronte.

Diventerà uno dei punti di riferimento del movimento e, in seguito, l’autore di un’accurata, documentata e affettuosa ricostruzione dal titolo Dada. Art and anti-art.

 

L’esperienza della galleria dura poco. Presto avviene la diaspora. Ball si ritira nel suo esilio ticinese. Huelsenbeck già agli inizi del 1917 ritorna in Germania, dove con Jung, Grosz, Heartfield e Raoul Hausmann fonda un club dadaista, impegnato sul versante politico. Tzara attiva contatti con i francesi, attratti dal lato surreale della poetica dada.

È l’inizio della diffusione del movimento in Europa.

 

Nel 1918 arriva in Svizzera dagli Stati Uniti Picabia. Rianima il clima zurighese e riporta in Europa le esperienze analogiche, antilogiche, illogiche che lui stesso e Duchamp hanno introdotto negli Stati Uniti.

L’attività del gruppo zurighese sarà d’ora in poi orientata verso il non senso, l’antiarte, la messa in discussione di ogni valore. Fonda e finanzia anche una rivista, dal titolo “391”, che allude esplicitamente al numero civico (291) della galleria newyorkese di Alfred Stieglitz e al titolo “291” della rivista edita sempre da Stieglitz, nata dopo la chiusura della gloriosa “Camera Works” e in cui si riconosce gran parte dell’avanguardia americana: da Joseph Stella a Georgia O’Keeffe a Man Ray.

 

Alcuni studiosi hanno voluto vedere nelle opere che Picabia, Duchamp e Man Ray producono in America a partire dal 1915 una sorta di dadaismo che si svolge, anche senza averne ancora il nome, parallelamente a quello zurighese. Ciò è soprattutto vero per le opere realizzate da Duchamp.

Abbiamo detto in precedenza che i ready-made risalgono al 1913 e sono realizzati in Europa. In realtà è solo a partire dal trasferimento a New York del 1915 che Duchamp li teorizza in quanto operazione estetica.

Ciò avviene nel preciso momento in cui battezza con un titolo in apparenza senza senso, In advance of the broken arm (In anticipo per il braccio rotto) un badile da neve di produzione industriale che appende al soffitto.

Ripensando allo scolabottiglie del 1913, Duchamp manda una lettera alla sorella a Parigi pregandola di scriverci su qualcosa:  “Dunque, quando sei salita nello studio hai visto la ruota di bicicletta e lo scolabottiglie. Io ho acquistato quest’ultimo come una scultura già compiuta. Ho un’idea in proposito: stai a sentire.

Qui a New York ho comprato alcuni oggetti dello stesso stile e li ho chiamati “ready-made”, tu sai abbastanza di inglese per comprenderne il significato di “già compiuto” che ho assegnato a questi oggetti – io li firmo e vi scrivo qualcosa in inglese.

Ti darò qualche esempio: ho comprato una grande pala da neve sulla quale ho scritto In advance of the broken arm… non cercare troppo di interpretare questo in senso romantico o impressionistico o cubistico – non ha niente a che fare con tutto ciò… Tutto questo preambolo per uno scopo: prendi lo scolabottiglie, ne farò un ready-made da lontano.

All’interno dell’anello inferiore, scrivi la frase che ti indico a parte in piccole lettere di color bianco argenteo dipinte con un pennello e firma nelle stesse lettere: Marcel Duchamp”.

 

A rendere tale l’opera d’arte non è quindi la forma, ma può essere qualunque cosa, anche il titolo, purché tradisca l’intenzionalità dell’artista. Più tardi Duchamp riassumerà il senso della scoperta: “A ready-made is a form of denying the possibility of defining art”. Per l’arte questa affermazione avrà lo stesso potere disgregante che ha avuto la scoperta della relatività per la fisica.

 

Duchamp sperimenta con numerose variazioni l’idea, sino a pensare di eleggere a ready-made il Woolworth Building, allora, con i suoi 241 metri d’altezza, il più alto grattacielo del mondo.

Tutto, sembra dire, può trasformarsi in arte e, in effetti, mai arte e vita sono apparse tanto prossime. In realtà è l’opposto: se qualunque oggetto può diventare opera d’arte, l’artisticità diventa impalpabile, impercettibile dai più. Generando paradossi e controsensi su cui giocare.

 

Non sono pochi i parallelismi tra il metodo di Duchamp e le teorie di Sˇklovskij, soprattutto per quanto riguarda l’approccio obliquo che contraddistingue l’attività artistica, quella “mossa del cavallo” che gli permette sempre di spiazzare il pubblico, imponendo nuovi punti di vista alla realtà.

 

A metà tra un ready-made e uno scherzo è un orinatoio, intitolato Fontana, che l’artista produce nel 1917 in occasione della mostra della Society of Indipendent Artist, firmandolo R. Mutt.

L’arte, sostiene Duchamp, è sfuggente, una funzione piuttosto che una forma nel senso tradizionale.

E poi ogni opera ha una componente giocosa, paradossale, umoristica. Ma l’umorismo, come hanno dimostrato Bergson, Pirandello, Freud, è contraddizione. Vista in questa luce, l’opera di Duchamp – che, detto per inciso, è un attento lettore di cose matematiche e in particolare delle opere di Poincaré – è un’esplicita rivendicazione della fertilità del paradosso, dell’impossibilità di trasporre nei termini del linguaggio e del ragionamento scientifico l’esistenza.

È in questo orizzonte, in cui la vita è molto più di un insieme logico e ordinato di fatti, che i dadaisti scoprono le coincidenze del caso, distruggono le certezze dell’occhio, trovano nuove definizioni dell’arte, smantellano i confini delle discipline, riscoprono il potere dell’analogia, dei suoni senza senso, delle immagini senza referente, dei discorsi inintellegibili e senza costrutto.

 

Dada, quindi, assorbe dalle avanguardie dell’anteguerra – espressionismo, cubismo, futurismo – ciò che vi è di più energico, dirompente e innovativo, rimettendolo in gioco. Lo restituirà in forma aperta e problematica anche agli altri movimenti coevi, quali De Stijl e purismo, che quando vogliono ritrovare elasticità e svecchiarsi dovranno attingere proprio allo spirito dada.

Da quest’opera di scoperta di nuovi territori e di sistematica rottura dei vecchi confini nasce la cultura artistica contemporanea.

 

Dada non produce una propria architettura.

Secondo alcuni critici non potrebbe essere altrimenti: perché è più un atteggiamento che uno stile e perché è molto difficile produrre contraddizione, analogia e non senso in edilizia.

Infatti – se si escludono alcuni allestimenti di mostre o eventi effimeri in cui artisti-architetti come Kiesler, con grande abilità, giocano sui temi del disincanto, della contraddizione, dello stupore – saranno costruite solo due piccole, anzi piccolissime, opere dadaiste.

Più sculture che architetture. Una è la porta dello studio di Duchamp che è, sempre e nello stesso tempo, aperta e chiusa, essendo l’anta incernierata a metà di due bucature poste tra loro a 90 gradi e quindi destinata a chiudere solo l’una o l’altra. L’altra è il Merzbau, un ambiente costruito da Kurt Schwitters con oggetti di ogni tipo: a metà tra un oggetto esistenziale tridimensionale e un’opera di interni.

 

Escludendo queste due opere – che, per quanto minute, saranno in ogni caso un punto di riferimento per le sperimentazioni degli anni sessanta e settanta – Dada agirà per vie traverse: evidenziando il carattere relativo di ogni formalismo, introduce il valore del caso, dell’associazione libera, del non programmato, liberando il valore del significante dal peso del significato, mostrando l’aspetto tragico e giocoso del meccanico.

E così facendo influenzerà in un modo o nell’altro i principali architetti operanti negli anni venti e trenta. Adolf Loos, per esempio, costruisce la casa di Tzara; Kiesler frequenta Duchamp e realizza un’opera tratta da un suo disegno; van Doesburg affianca la sua attività neoplastica con una parallela dadaista gestita con il nome di I.K.Bonset, Le Corbusier attraverso i surrealisti sperimenta gli oggetti a reazione poetica.

 

.

Leave A Response