presS/Tletter
 

Parte 2: 1918-1933 – Capitolo 3: Idee in guerra  

3.7 Theo van Doesburg e De Stijl

“De Stijl”, come Dada, non è un movimento. È il titolo di una rivista pubblicata nel 1917, grazie al lavoro di un personaggio multiforme: Theo van Doesburg, pittore, scultore, fotografo, critico d’arte, poeta e, all’occorrenza, architetto.

Van Doesburg ha indubbie capacità di aggregare persone intorno a un progetto. Riesce a coinvolgere nella rivista gli architetti Jacobus Johannes Oud, Jan Wils, Robert Van’t Hoff e Gerrit Rietveld, i pittori Piet Mondrian, Bart van der Leck, Vilmos Huszár, lo scultore Georges Vantongerloo. Spera anche di attirare artisti quali Picasso e Alexandr Archipenko.

 

 

Theo van Doesburg

 

E, attraverso Oud, che gli è vicino, contatta Berlage, padre spirituale dell’architettura olandese, il quale però lascia cadere l’offerta. La rivista, con tiratura di circa mille copie, sarà pubblicata dal 1917 al 1928, anche se già a partire dai primi anni si accumulano malumori dovuti alla differenza dei caratteri. Oud è un pragmatico, Mondrian un ascetico, Van’t Hoff un sognatore che nel 1918 non esiterà ad abbandonare la professione di architetto.

 

Nel 1918 van Doesburg litiga con Huszár, nel 1919 con Wils e Van’t Hoff, nel 1921 con Oud, nel 1922 è il turno di Mondrian.

Energico, proteiforme e imprevedibile, ha un carattere che alla lunga lo rende insopportabile. I suoi amici sanno che è capace di accanirsi per un’intera serata contro una teoria, che il giorno dopo sostiene attribuendosene la paternità. Coltiva intense passioni e forti rancori.

Non esita nel 1921 a trasferirsi a Weimar, dove l’anno dopo allestisce due controcorsi, antagonisti al Bauhaus, per denunciarne le derive espressioniste.

 

Il carattere proteifome, unito a una forte personalità, indurrà van Doesburg ad attivare ogni forma di sperimentazione. Anche a costo di cambiare nome, per sfuggire al giudizio dei detrattori o degli amici che, come Mondrian, perseguono strade più rigorose.

A partire dal maggio del 1920, firma scritti e poesie futuriste e dadaiste con lo pseudonimo di I.K. Bonset e, dal 1921, usa il nome italiano di Aldo Camini per alcuni scritti. Il neoplasticismo è per lui una strada, non la formula decisiva. Nel 1922 lancia la rivista dadaista “Mécano”, nel 1926 pubblica il nuovo manifesto elementarista, dove rompe con la staticità delle linee perpendicolari.

 

Van Doesburg incontra Mondrian qualche mese prima di Oud, nel febbraio del 1916. Sono gli anni in cui il pittore si intrattiene lungamente con il filosofo Schönmaekers, sacerdote cattolico conquistato dalla teosofia.

“La sua base”, scriverà van Doesburg, “è esclusivamente matematica, l’unica e sola scienza pura e punto di riferimento unico per i sentimenti…Mondrian applica questi principi servendosi, per raffigurare i suoi turbamenti emotivi, delle due forme più pure e cioè le linee orizzontali e verticali.”

 

Mondrian crede nel valore atemporale delle idee,detesta il mutamento e la natura, e ha paura della precaria esuberanza della vita. Per lui la pittura è infinito gioco di equilibrio tra i principi della simmetria e dell’asimmetria, di ponderazione fra diversi pesi dei colori e delle linee. Per van Doesburg l’astrazione è invece un detonatore di energia plastica.

Per Mondrian l’astrazione è il modo per esorcizzare l’energia del cosmo, per l’altro il mezzo per giungervi. Non a caso van Doesburg si interesserà al tema della quarta dimensione, che invece lascerà del tutto insensibile Mondrian.

E sembra pensato apposta per lui e per i suoi amici dada l’esempio einsteiniano per spiegare la relatività generale, pubblicata nel 1916: un ascensore che precipita nel vuoto, mentre dentro si svolgono semplici esperimenti.

 

Van Doesburg conosce Oud nel 1916.

È Oud a prendere l’iniziativa, scrivendogli di aver appreso da un comune conoscente dell’idea di fondare a Leida un’associazione di pittori. Propone di ammettervi anche gli architetti: il 31 maggio nasce l’associazione De Sphinks, di cui Oud è presidente e van Doesburg secondo segretario.

Oud propone a Theo di aiutarlo, come esperto del colore, in alcuni incarichi di architettura. Al di là della reale importanza sia degli edifici sia degli interventi cromatici – in realtà modesti – la collaborazione serve a chiarire a entrambi le idee sul rapporto tra le arti figurative e l’architettura.

Per Oud l’intervento dell’artista è del tutto decorativo, serve a far risaltare alcune parti della costruzione all’interno di una concezione spaziale complessiva decisa dall’architetto. Per van Doesburg è il gioco dei piani colorati che ristruttura lo spazio, trasformando l’architettura in un evento plastico, cioè deoggettualizzandola.

 

Le differenze, dopo alcune collaborazioni, emergono e, nel 1921, i due si separano, a causa del progetto per gli alloggi dei blocchi VIII e IX di Spangen, a Rotterdam. Oud obietta che il colore proposto da van Doesburg potrebbe avere controindicazioni pratiche – il giallo per i portoni, per esempio, è soggetto a sporcarsi con facilità – e, in alcuni casi, i toni sono troppo accessi. Theo gli risponde: “O così o niente”.

 

L’architetto – lo aveva già compreso l’artista Bart van der Leck a seguito dei difficili rapporti di collaborazione con Berlage – non può accettare di realizzare un contenitore che viene annullato dal pittore. Dal 1922 Oud non si considera più parte di De Stijl.

 

Van Doesburg impara la lezione: per ottenere un edificio neoplastico non dovrà sovrapporre il suo intervento pittorico al lavoro di un altro, bensì progettare un’architettura in cui valori pittorici e spaziali trovino unità sin dal momento della loro concezione.

Non avendone gli strumenti tecnici, lo farà attivando una fruttuosa collaborazione con il giovane architetto Cornelis van Eesteren; lo vedremo nel prossimo capitolo.

 

Oud, anche dopo il distacco dal movimento, realizza alcune costruzioni che ricordano gli stilemi De Stijl. Tra questi il caffè De Unie del 1924. Si tratta però di assonanze stilistiche. Le tappe successive del suo percorso saranno un raffinato funzionalismo e poi un sempre più asfittico classicismo.

 

Nella ricerca di una nuova spazialità saranno paradossalmente più coerenti Wils e Van’t Hoff, i quali intenderanno il neoplasticismo come il pretesto per smantellare la scatola e articolare in piani le loro costruzioni.

Sono influenzati da Berlage e, attraverso di lui, da Wright. Entrambi producono tra il 1914 e il 1918 alcuni edifici che ricordano le Prairie House di Chicago. Van’t Hoff si reca addirittura in pellegrinaggio in America nel 1914. Del primo segnaliamo il delizioso padiglione nel parco pubblico di Groningen (1917); del secondo la residenza estiva di J.N. Verloop (1914-15) e la villa Henny, detta Betonvilla perché è realizzata in cemento armato prefabbricato.

Sono edifici di qualità, ma sostanzialmente di scuola. Van’t Hoff, forse, avrebbe avuto le carte per diventare uno dei più sensibili architetti olandesi, se, sconvolto dalla guerra e dagli eventi politici, non avesse appeso la squadra al chiodo, firmandosi da allora in poi “ex architetto”.

 

Vi è, infine, Gerrit Rietveld: nel 1924 sarà autore di una costruzione a Utrecht di particolare interesse, la casa Schröder, su cui torneremo nel prossimo capitolo.

Nel 1917, o forse nel 1918, la anticipa realizzando la celeberrima Sedia rosso-blu (la versione finale, così come noi la conosciamo, è però del 1923). L’oggetto chiarifica il problema del rapporto tra pittura e costruzione che sta assillando van Doesburg e avvelenando i suoi rapporti con Oud.

Colore e forma, se vogliono interagire con efficacia, non devono essere pensati separatamente, ma nell’unità della superficie. Sarà il piano – sfuggente, colorato, dinamico – e non il volume – rigido, stereometrico, centralizzante – lo strumento della nuova architettura.

 

Negli anni in cui si diffonde De Stijl, si sviluppa in Olanda la cosiddetta scuola di Amsterdam, i cui principali esponenti sono Johann Melchior van der Mey, Michel de Klerk, Piet Kramer, Hendricus Theodorus Wijdeveld.

Fautori di un’architettura esuberante, curata nei dettagli, quasi espressionista nell’esasperazione di forme e motivi provenienti dalla tradizione, ottengono incarichi di rilievo dall’amministrazione cittadina, soprattutto di edilizia residenziale pubblica, nelle nuove zone a sud, ovest ed est della città.

 

Van Doesburg considera le architetture di questi progettisti come un retaggio del passato, accomunandole nel suo odio alle opere degli espressionisti tedeschi. In effetti molti lavori si limitano al disegno di facciate su impianti tradizionali dettati dalle imprese edilizie e a volte sono stucchevoli nel loro eccesso decorativo.

Tuttavia alcune fanno decisamente eccezione. Tra queste la produzione di de Klerk e in particolare un’opera progettata nel 1917, ma completata nel 1921. È l’ultimo di tre blocchi abitativi che gli vengono commissionati prima da Klaas Hille e poi dalla Eigen Haard.

 

L’edificio, che insiste su un blocco triangolare, ingloba abilmente una scuola preesistente e raggiunge un grado di elaborazione spaziale che rimarrà ineguagliato nell’architettura olandese di quegli anni.

 

Infatti, con questo edificio de Klerk risolve almeno quattro problemi verso cui gli architetti neoplastici mostrano un certo affanno. Sono:

 

– primo: la gestione di un complesso edilizio in cui siano compresenti i caratteri della diversità e dell’unità, anche a costo di cadere nel pittoresco, ma senza precipitare nel vernacolare. De Klerk la ottiene attraverso tracciati regolatori, appresi da Berlage (e utilizzati, per la verità, con molta più maestria e creatività, anche da Wright). Questi ordinano senza costringere, ammettendo quella diversità che per altra via sarebbe ingestibile;

 

– secondo: la precisione del dettaglio, la ragionevolezza della costruzione senza forzare l’edificio in astratti schemi geometrici, che ne comprometterebbero la gestione in termini di manutenzione e durata nel tempo;

 

– terzo: il soddisfacimento dell’utenza affascinata dalle trovate plastiche, quasi fiabesche, e attratta dalla scala umana dell’edificio, anche grazie alla capacità di de Klerk di articolare lo spazio complessivo in unità minori;

– quarto: l’integrazione con il contesto urbano e il controllo architettonico ineccepibile degli spazi semipubblici. De Klerk sa progettare il vuoto: inventa una piazzetta sul retro, caratterizzata, da una torre di gusto popolaresco, e articola l’interno con spazi di eccezionale fascino, che tollerano anche l’inserimento, ai limite del kitsch, di una sala per riunioni che ricorda l’edilizia rurale olandese.

 

Sono numerosi gli architetti contemporanei di de Klerk che ne riconoscono l’eccezionale bravura. Tra questi Bruno Taut, che nel libro del 1929,

Das neue Baukunst in Europa und Amerika, lo ricorderà come “un maestro dotato di grande talento”. Nel 1918 uscirà la raffinata rivista “Wendingen”.

Sino al 1931 pubblicizzerà le opere di de Klerk e della scuola di Amsterdam e farà sentire la sua voce diffondendo i principi dell’organicismo e dell’espressionismo in Olanda e in Europa.

 

Leave A Response