presS/Tletter
 

Parte 3: 1918-1933  – Capitolo 2: Maturazione e crisi dei linguaggi: (1925-1933)

2.12 CIAM

i CIAM, i congressi internazionali di architettura moderna, nascono per propagandare le nuove idee, per fissare una linea culturale ed estetica unitaria all’interno dell’avanguardia, per incidere sul contesto sociale e politico.

 

Primo CIAM a La Sarraz, foto di gruppo

 

Esigenza di propaganda: i protagonisti del Movimento Moderno, dopo l’esperienza del Weissenhof, sentono che esiste interesse da parte del pubblico, ma che la curiosità, in assenza di strumenti di comprensione, si può tramutare in ostilità.

 

A fomentarla sono soprattutto le accademie: lo dimostra il concorso per il palazzo della Società delle Nazioni in cui il progetto di Le Corbusier , a un passo dalla vittoria, viene squalificato, con il pretesto di una formalità tecnica relativa alla presentazione degli elaborati.

L’architetto svizzero francese, spalleggiato dal giovane storico e critico Sigfried Giedion, attiva una campagna internazionale di protesta. I due presto capiscono che ciò non basta: occorre che il Movimento Moderno si coaguli in un’organizzazione di peso internazionale in grado di fungere da strumento di diffusione di idee e iniziative.

 

Linea culturale: Mies, Giedion, Le Corbusier, Oud sentono che l’avanguardia presenta troppe facce diverse, che corrono il rischio di caratterizzare l’intero movimento come un confuso aggregato. Mies non esita a proporre di escludere le tendenze espressioniste per attuare ciò che chiama una “purificazione”, attraverso cui giungere a uno stile comune, a un linguaggio formale più omogeneo. In tale prospettiva sono da leggere le sue dimissioni dal Ring.

Giedion auspica, da parte sua, un’ideale architettura purista-costruttivista, incarnata da Gropius, Mies, Le Corbusier, Oud, van Eesteren, Stam, Schmidt.

 

Linea politica: convinzione comune degli architetti del Movimento Moderno è che la nuova architettura presuppone una città del tutto diversa, fondata su basi razionali, che solo un movimento strutturato a livello internazionale può proporre autorevolmente ai politici che governano i diversi paesi del globo. In proposito, però, si scontrano due linee culturali diverse. I riformisti, quali Le Corbusier, Gropius, Mies, credono che tali mutamenti prescindano, in una certa misura, dalle ideologie partitiche.

Le Corbusier, che in quegli anni collabora con il regime comunista in Unione Sovietica, per esempio, negli stessi anni attiva numerose collaborazioni con la destra reazionaria e tecnocratica, per la quale manifesta le sue simpatie. Mies cerca di collaborare con i nazisti aderendo nel 1933 al Reichskulturkammer di Joseph Goebbels. Dall’altro i comunisti – sono gli svizzeri del gruppo ABC e anche numerosi tedeschi – credono fermamente che il lavoro dell’architetto non possa prescindere dalla struttura economica, capitalista o socialista, in cui opera.

E sostengono che una nuova città non possa neanche pensarsi senza la fine dei rapporti di produzione capitalistici e l’avvento della società comunista. Le due linee, sino al CIAM del 1930 – quando il gruppo dei più accaniti fautori della linea marxista si trasferisce in Unione Sovietica, al seguito della Brigata May – si confronteranno non senza asprezze e reciproche incomprensioni.

 

La prima riunione del CIAM si svolge in Svizzera a La Sarraz dal 26 al 28 giugno 1928.Ventiquattro gli architetti partecipanti, di otto diverse nazionalità.

Rappresentati gli svizzeri (Stam, Schmidt, Haefeli, Artaria, Steiger, Giedion e Meyer, che dopo qualche mese sarà il nuovo direttore del Bauhaus in sostituzione di Gropius), i francesi (Chareau, Lurçat e, d’adozione, Le Corbusier), i belgi (Bourgeois), gli olandesi (Stam, Rietveld e Berlage), i tedeschi (Häring e May), gli austriaci (Frank), gli italiani (lo svizzero Sartoris che rappresenta Rava del Gruppo 7), gli spagnoli (Mercadal e de Zavala). Tra i grandi assenti Oud, Gropius e Mies, impegnati altrove, e Garnier, Perret, Loos e van de Velde della vecchia guardia. El Lissitskij e Ginzburg in rappresentanza dell’Unione Sovietica non possono partecipare per il rifiuto del visto da parte dell’autorità svizzera.

 

Sin dai lavori di preparazione del congresso, Häring entra in polemica con Giedion, che gestisce l’organizzazione.

Il motivo è che sono invitati solo cinque membri del Ring e Häring, da segretario dell’organizzazione, non può accettare in linea di principio questa preclusione (alla fine Häring sarà l’unico esponente dell’organizzazione a partecipare).

Inoltre, a infastidirlo non poco è il fatto che, nonostante egli sia il segretario della più importante associazione d’architetti d’avanguardia tedeschi, non è invitato a tenere alcun discorso. Il programma, infatti, è stato preparato con cura da Le Corbusier e da Giedion per evitare di dare troppo spazio a personaggi in grado di fare loro ombra, per di più se gravitanti su un’altra lunghezza d’onda.

 

Il 26 giugno Bourgeois e le Corbusier parlano dei risultati architettonici delle tecnologie moderne e May della standardizzazione. Nelle discussioni che seguono Häring è l’autore degli interventi più polemici, soprattutto contro ogni affermazione di Le Corbusier.

Nel campo della prefabbricazione emergono divergenze tra coloro che credono nell’industrializzazione totale dell’involucro edilizio e coloro che, come Lurçat e Le Corbusier, sostengono che debba limitarsi a singole componenti. Inoltre, quasi a continuare la polemica del Werkbund del 1914, c’è chi sostiene, come i francesi, che bisogna puntare sulla qualità artistica e sulle ragioni dell’architettura e chi, come i tedeschi e gli svizzeri, sul semplice costruire, sulla razionalità industriale. Il giorno successivo si parla di economia generale e di urbanesimo. Il 28 giugno Berlage conclude i lavori con una conferenza sul tema dei rapporti tra lo Stato e l’architettura moderna, in cui analizza la felice atipicità del caso olandese, chiedendosi in che modo se ne possa esportare il modello.

 

Viene costituito il CIRPAC, una sorta di comitato centrale, che dovrà preparare i successivi incontri. Vi partecipano due delegati per ciascun paese. Nella lista, letta da Giedion l’ultimo giorno del congresso, non figura il nome di Häring. Questi chiede se l’omissione è causata da un errore. S’infuria quando l’altro risponde che non c’è alcun errore, che la sua presenza non è gradita. Ne nasce una vertenza diplomatica che verrà sanata, dopo il congresso, dall’abile Gropius.

È preparata una dichiarazione finale che cerca di comporre le due anime diverse del congresso, ricorrendo all’espediente di due traduzioni ad hoc, una in francese e una in tedesco, che contemperano i punti di vista delle due diverse fazioni a proposito della querelle tra architettura o costruzione.

 

Il problema, però, non può essere risolto con un semplice espediente linguistico. Scoppierà presto ed esattamente l’anno successivo, a proposito del progetto di Le Corbusier per il Mundaneum.

Vi abbiamo già accennato in precedenza: Teige, in un lungo e ragionato articolo apparso su “Stavba”, accusa Le Corbusier di estetismo. Cioè, in sostanza, di voler raggiungere le vette sublimi dell’arte ricorrendo agli strumenti obsoleti delle proporzioni, della composizione e a tutto l’armamentario Beaux-Arts pur riveduto e corretto alla luce della nuova sensibilità moderna. Le Corbusier risponde con prontezza all’attacco dell’amico con una lunga lettera, redatta in viaggio per l’America del sud, dove si reca per tenere alcune conferenze: segno che reputa la questione di rilevanza strategica per la leadership culturale del movimento. Pubblicato anch’esso su “Stavba”, lo scritto è un lungo trattato dal titolo emblematico In difesa dell’architettura. Le Corbusier vi attacca il rigido utilitarismo.

Afferma che la funzione da sola non basta a far poesia. Fa l’esempio di un cestino: se deformato potrebbe contenere più carta straccia, quindi in teoria sarebbe più utile e quindi dovrebbe essere più bello, in realtà è goffo e brutto. La bellezza è qualcosa in più della funzione. Un extra al quale l’architetto deve anelare.

 

Teorizzando una sorta di scissione tra forma e funzione, Le Corbusier mostra di non comprendere le raffinate ragioni del formalismo praghese. Per Teige la riduzione dell’oggetto alla pura funzione può avvenire proprio perché è stato individuato il corretto luogo della dimensione estetica che non si trova all’interno dell’oggetto, come vorrebbe il francese, ma nel giudizio del soggetto.

Il valore di un’opera, in sostanza, non nasce dal perseguimento di una verità intrinseca ed eterna – ciò non avrebbe senso in una prospettiva materialista e antimetafisica – ma dal riconoscimento di essere il prodotto di una formatività storicamente adeguata. Afferma Teige: “Il Mundaneum illustra il fiasco delle teorie estetiche e dei pregiudizi tradizionali, di tutti i danni dello slogan “casa come un palazzo” e dell’architettura utilitaristica con aggiunti un’addizione o una dominante artistica. Da qui è possibile andare direttamente verso un pieno accademismo e classicismo…”

 

Nel 1929 si svolge il secondo congresso del CIAM: affronta il tema dell’alloggio e dell’Existenz minimum. Sede ospitante è Francoforte, la città tedesca che grazie all’energico impulso di Ernest May, sta realizzando un imponente programma di costruzione di abitazioni popolari – oltre quindicimila dal 1926 al 1930, pari al fabbisogno abitativo di circa il dieci per cento della popolazione – raggruppate in quartieri residenziali, siedlung, ubicati nella periferia della città.

È in questi quartieri che con particolare impegno e passione si pratica il risparmio dei costi di costruzione; l’eliminazione degli spazi superflui; la standardizzazione; la zonizzazione del territorio con aree caratterizzate dall’unica destinazione residenziale; la costruzione di blocchi edilizi per file parallele; la prefabbricazione dei componenti; la taylorizzazione degli spazi e dei movimenti nella cosiddetta “cucina di Francoforte” progettata da Grete Schütte-Lihotzky; la razionalizzazione della distribuzione interna; la vendita al costo di mobili disegnati in funzione degli spazi abitativi da Frank Schuster e da Ferdinand Kramer.

 

A precedere il congresso è l’incontro del 2 febbraio 1929 del CIRPAC a Basilea, nel quale Le Corbusier e Häring si confrontano di nuovo. Häring viene messo da parte. Questa volta Gropius non interviene a placare gli animi. Anzi, affermando che “il Ring ormai non esiste più in quanto tale e che il congresso dovrà ospitare personalità individuali”, scarica il Ring, seguendo Mies (che, come abbiamo visto, lo aveva già fatto nel 1927) e toglie ogni appoggio a Häring, lasciandolo di fatto isolato.

Inoltre, avvicinandosi sempre più alle posizioni di Giedion e Le Corbusier, contribuisce a costruire una nuova alleanza a quattro: Gropius, Le Corbusier, Mies, Giedion. I tre architetti diventeranno le icone del modernismo. Il critico il loro cantore. Il CIAM il loro strumento.

 

Il congresso di Francoforte si apre il 24 ottobre, il giovedì nero che vede il crollo della borsa di Wall Street. Partecipano 130 architetti di 28 nazioni. Previsti quattro interventi: di Gropius, Bourgeois, Le Corbusier, Schmidt. Gropius e Le Corbusier sono assenti. Le Corbusier perché sta effettuando il viaggio in America latina al quale abbiamo in precedenza accennato. L’intervento del primo è letto da Giedion, quello di Le Corbusier dal cugino e socio Pierre Jeanneret.

 

Tra gli assenti al congresso El Lissitskij e Oud. Tra i presenti lo spagnolo Louis Sert e il finlandese Alvar Aalto. Il 26 ottobre Karl Moser conclude il congresso e apre ufficialmente la mostra sull’alloggio minimo che ha organizzato May con materiale proveniente da tutta Europa. Si tratta di 207 piante di alloggi minimi ridisegnate tutte nella stessa scala al fine di facilitarne il confronto.

La superficie varia dai 29 metri quadrati delle monocamere ai 91 metri quadrati delle case per famiglie numerose. Terminato il congresso, la mostra gira per l’Europa accompagnata da un libro, edito dal CIAM, che la illustra: Die Wohnung für das Existenzminimum.

 

Il terzo congresso del CIAM si svolge a Bruxelles dal 27 al 29 novembre 1930. Il tema principale di riflessione, introdotto da una conferenza di Gropius, è: case basse, medie o alte. Sebbene Häring partecipi al congresso e alle discussioni, ormai non ha più ruolo. Protesterà contro la preferenza per l’edilizia alta, ma ormai è un isolato. Tra gli interventi di spicco quello dell’austriaco Richard Neutra, delegato americano con Karl Lömberg-Holm. Illustra esempi realizzati negli Stati Uniti. Per gli italiani partecipano Pollini e Bottoni.

 

Le Corbusier assume una posizione critica verso l’atteggiamento troppo tecnicista assunto dal gruppo più intransigente dei costruttivisti.

Ha appena preparato il progetto della Ville Radieuse, una città di forma vagamente antropomorfa (con il quartiere degli affari al posto della testa, le residenze al posto del busto e le attività produttive al posto dei piedi) che permette il raggiungimento di notevoli densità abitative. È la risposta, anche formale, alle città lineari e agli schemi a più debole densità previsti, in quel momento, dagli architetti sovietici dell’avanguardia, quali Ginzburg.

 

A ottobre è partita per l’Unione Sovietica la Brigata May, che annovera Schmidt e Stam; li segue Meyer, che ad agosto è stato estromesso dalla direzione del Bauhaus. Scappano dalla crisi economica che sta strozzando l’America e l’Europa per recarsi nella patria del socialismo e della nuova architettura.

Li aspetterà un paese dove la politica culturale staliniana ha preso il sopravvento. Nel 1931 il concorso per il palazzo dei Soviet, vinto dalla grottesca torta nuziale allestita da Boris Iofan, sancirà la definitiva sconfitta del costruttivismo russo in nome del realismo socialista.

 

È questo definitivo e prevedibile cambiamento di rotta della politica culturale russa il motivo per cui il CIAM successivo, che si sarebbe dovuto svolgere in Unione Sovietica, a Mosca, viene rimandato dalle autorità competenti con mille scuse (Giedion e van Eesteren arriveranno a inviare a Stalin una nota di protesta, ma invano).

Si perdono così tre anni sino a quando, considerati anche altri rifiuti, si decide, nel 1933, di tenerlo sulla nave Patris in rotta da Marsiglia al Pireo, il porto di Atene (gli italiani che partecipano sono Pietro Maria Bardi, Gino Pollini con moglie, Piero Bottoni, Giuseppe Terragni). Non poteva essere più paradossale che a dibattere del tema della città funzionale e del futuro dell’urbanistica (la Carta di Atene nascerà in queste circostanze) fosse un pugno di architetti rinchiusi in un battello, lontani da quei centri urbani e dalle sedi degli organismi decisionali che in quel momento avevano poca o nessuna voglia di attuarne le proposte.

 

Leave A Response