presS/Tletter
 

3.2.17: Dieci anni di rivoluzione fascista

Parte 3: 1918-1933  – Capitolo 2: Maturazione e crisi dei linguaggi: (1925-1933)

2.17 Dieci anni di rivoluzione fascista

Con il Novocomum, un edificio per abitazioni che ottiene il placet della commissione d’ornato solo perché ingannata da disegni di progetto con prospetti in stile che non vengono realizzati, Terragni si pone spiritualmente alla guida del movimento rinnovatore in Italia.

 

Tavola degli orrori, particolare

 

È lui l’architetto più dotato. Attratto dalla semplificazione volumetrica di Novecento – il movimento artistico sponsorizzato da Margherita Sarfatti, che gli commissionerà un monumento alla memoria del figlio Roberto – Terragni sonderà ogni linguaggio disponibile. Nel Novocomum è il gioco delle masse plastiche, sottolineato dall’erosione dell’angolo in cui è innestato il cilindro vetrato della scala. Ricorda – ma non vi sono, a quanto risulta, contatti tra i due architetti – un contemporaneo edificio del russo Ilja Golosov, il club Zuev a Mosca.

Novocomum, foto di Chiara Quinzii

 

In altre opere Terragni denuncia influenze metafisiche, costruttiviste e anche futuriste, senza mai dimenticare la lezione lecorbusieriana. Produce lavori anche molto diversi tra loro, quali la Casa del Fascio di Como (1932-36), un prisma unitario con quattro prospetti differenti che oscilla tra la pesantezza di una scultura metafisica e la leggerezza di un edificio razionalista, e l’allestimento della sala O alla Mostra della Rivoluzione Fascista, sempre del 1932, che richiama alla mente immagini costruttiviste e futuriste.

 

Casa del fascio, foto di Chiara Quinzii

 

Nel 1930 l’architettura contemporanea è un fenomeno che non più essere ignorato neanche dagli accademici.

Se ne occupa sulla rivista “Dedalo”, diretta dall’ultrareazionario Ugo Ojetti, Marcello Piacentini con un articolo dal titolo Dov’è irragionevole l’architettura razionale, cui replicano due interventi, nell’aprile e giugno del 1941, di Pagano sulle pagine di “La Casa Bella”. Sempre nel 1930, Piacentini pubblica un libro dal titolo Architettura d’oggi, che  mostra quanto poco e di seconda mano un personaggio così influente sappia dei complessi e importanti eventi che stanno scuotendo l’architettura in Europa.

 

Nel 1930 Figini e Pollini propongono all’Esposizione di Monza un prototipo di casa elettrica. È caratterizzata al piano terra da una grande vetrata e, al piano superiore, da una lunga e leggera pensilina che, chiusa su un lato e aperta sull’altro, va in controtendenza rispetto ai pesi visivi del piano inferiore, forse con una vaga allusione allo zig zag di una scarica elettrica.

All’interno un nuovo sistema di arredi, progettato con Libera e Frette, tiene conto delle innovazioni tecnologiche e del nuovo modo di vita, soprattutto in termini di utensili elettrici, imposto dalla società contemporanea.

Sempre nel 1930 è fondato il Miar, Movimento italiano per l’architettura razionale. Segretario nazionale: Adalberto Libera. Ottiene subito l’appoggio di Pietro Maria Bardi e di Giuseppe Pagano, due personaggi abbastanza influenti nel regime. Il primo perché amico di Mussolini, il secondo perché di provata fede e decorato di guerra.

 

Nel 1931, nella galleria romana di Pietro Maria Bardi, s’inaugura la seconda Esposizione di architettura razionale italiana. È l’occasione per far conoscere il Miar. In concomitanza con la mostra esce il libro di Bardi Rapporto sull’architettura (per Mussolini). Alla mostra viene esposto il Tavolo degli orrori.

È un’idea di Bardi, che la impone a Libera e ad altri architetti recalcitranti: un pannello che sbeffeggia le realizzazioni degli accademici ritraendole insieme ad altre cianfrusaglie e a immagini di cattivo gusto ritagliate dai giornali.

 

Bardi prepara anche uno scritto, Petizione a Mussolini per l’Architettura, che consegna al Duce, il quale viene a visitare la mostra. La reazione a tante provocazioni è positiva. Mussolini osserva attentamente e poi, con sollievo dei presenti, approva e autorizza.

 

La reazione del Sindacato Architetti, di cui è segretario generale Calza Bini, si fa attendere qualche settimana, ma è durissima. Libera, di fatto, sarà costretto a sciogliere il Miar. Mussolini, da parte sua, non vuole interferire più di tanto nelle vicende artistiche e, quando interviene, lo fa con scelte contraddittorie che ora favoriscono uno schieramento ora l’altro. Piacentini intuisce che da questa ambiguità deve trarre la propria forza, proponendosi come arbitro della situazione: si alleerà con i giovani contro i tradizionalisti e con i tradizionalisti contro i giovani. Fedele a questa politica ondivaga, non esita a coinvolgere nella Città Universitaria di Roma (1932-1935) personaggi quali Giuseppe Pagano con l’Istituto di Fisica, Gio Ponti con la Scuola di Matematica, Giovanni Michelucci con l’Istituto di Mineralogia, Giovanni Capponi con l’Istituto di Botanica e Chimica.

 

Nel 1932 si inaugura la Mostra della Rivoluzione Fascista con una coraggiosa facciata di Adalberto Libera e Mario De Renzi e con il radicale allestimento della sala O di Giuseppe Terragni. È un importante riconoscimento per i giovani. La mostra, tuttavia, frammentata in tanti piccoli ambienti ognuno diverso dall’altro, è la testimonianza della non volontà del regime di prendere posizione e del momentaneo equilibrio tra le opposte fazioni.

 

Nello stesso periodo, a Roma sono progettati tre edifici postali schiettamente moderni: uno di Mario Ridolfi in piazza Bologna (1932-35), un altro di Giuseppe Samonà in via Taranto (1933-35) e infine quello di Libera e De Renzi in viale Aventino (1933-34).

Esprimono tre diversi modi, tutti credibili, di mediare tra le esigenze monumentali del regime e l’immagine di una società moderna. Più sensuale l’edificio di Ridolfi, più austero quello di Samonà, più metafisico quello di Libera. Quest’ultimo – forse il capolavoro dell’architetto trentino – è composto da un prisma in marmo che racchiude un atrio su cui svetta elegante e leggero un lucernario in vetrocemento, preceduto da un solido porticato in marmo scuro che ricorda i volumi dei quadri di Carrà e De Chirico.

 

Nel 1933, il gruppo di Michelucci, con grande scandalo degli ultratradizionalisti, ma con l’appoggio di Piacentini, vince il concorso per la nuova stazione di Firenze, di fronte all’abside di Santa Maria Novella, con un progetto che si caratterizza per una lunga massa muraria interrotta da una cascata di vetri.

Stazione di Firenze Santa Maria Novella, foto di Chiara Quinzii

 

Vi è poi il progetto della città di Sabaudia, eseguito a partire dal 1934 dal Gruppo Urbanisti Romani, dove vengono messi in atto principi e regole dell’urbanistica moderna. I due progetti suscitano tanto scalpore da provocare discussioni e proteste, anche in sede parlamentare.

 

Sabaudia, foto di Diego Terna

 

Mussolini interviene convocando a Palazzo Venezia, il 10 giugno 1934, i due gruppi di progettazione, rappresentati rispettivamente dagli architetti Michelucci, Gamberini, Baroni, Lusanna e Cancellotti, Montuori, Piccinato. Difende le scelte dei progettisti:  “Ho chiamato proprio voi che siete gli architetti di Sabaudia e quelli della Stazione di Firenze per dirvi che non abbiate timore di essere lapidati o di vedervi la stazione demolita a furor di popolo, niente affatto.

La stazione di Firenze è bellissima e al popolo italiano piacerà… In quanto a Sabaudia se alcuni ci hanno detto di averne abbastanza, vi dico che io non ne ho abbastanza. Sabaudia mi va benissimo ed è bella”.

 

Continua sostenendo il moderno: “Non si può rifar l’antico né lo si può copiare”. Ma, contraddicendosi, cita come un buon esempio di tale linguaggio anche la pessima chiesa di Cristo Re il cui progettista è l’onnipresente Piacentini, che – come testimoniano il monumentale rettorato della stessa Città Universitaria di Roma, la Torre della Rivoluzione a Brescia, entrambi terminati nel 1932, e il Palazzo di Giustizia di Milano che Piacentini inizia in quello stesso anno – sta conducendo l’architettura italiana verso tutt’altre direzioni rispetto a quelle auspicate dai razionalisti. Lo stesso Mussolini, più tardi, rinnegherà di fatto, con scelte a dir poco discutibili, il discorso di Palazzo Venezia.

 

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

Leave A Response