presS/Tletter
 

6.2.6 Ecologia e rifiuto dei valori urbani

Parte 6: 1956-70,  Capitolo 2: Poetiche della contestazione 1966-1970

6.2.6 Ecologia e rifiuto dei valori urbani

Nel 1957 i sovietici lanciano lo Sputnik; nel 1959 l’ americano Explorer IV  ci fotografa da 27.200 km. di altezza; nel 1961 il maggiore Gagarin effettua 17 orbite intorno alla Terra;  nel 1962 il colonnello Glenn  pilota la Friendship III; nel 1963 è la volta della prima donna, la Tereskova; nel 1965 Leonov galleggia per 10 minuti nello spazio; nel 1969 Amstrong compie il primo passo sulla luna. La Terra, sinora vista  come illimitata fornitrice di spazi e di energia, a seguito del nuovo punto di vista imposto dai viaggi spaziali, appare come un sistema dall’equilibrio labile e precario. Nasce la coscienza ecologica.

 

Sputnik foto Craig Damlo

 

In architettura i primi segni di questa nuova sensibilità li abbiamo visti con gli Archigram che  nel 1966 abbandonano la ricerca di macrosistemi a scala metropolitana per organismi leggeri, mobili, strettamente interrelati al contesto naturale. Ma è nell’ Expò di Montreal che, con la tenda di Frei Otto e il Padiglione di Buckminster Fuller ,  si configurano le due principali direzioni di ricerca tese al perseguimento di un nuovo rapporto tra architettura e ambiente naturale. La prima, percorsa dal tedesco, si rifà all’ ideale mimetico della tradizione romantica: le tensostrutture, infatti, riprendono la forma del paesaggio, restituendo all’habitat umano quelle linee morbide, fluide e ondulate che l’edilizia tradizionale gli ha negato.

 La seconda, sostenuta dall’americano, propone forme, quali le cupole geodetiche, perentorie come equazioni matematiche. ” La mia cupola – afferma Buckminster- non è un gioco per il tempo libero. E’ un sistema di controllo ambientale estremamente sofisticato, ottenuto con un risparmio di materiale e di fatica molto maggiore di quello che può essere ottenuto con altre strategie ingegneristiche alternative”.

Proposte all’industria americana, che di fatto le guarda con scetticismo, le cupole geodetiche fanno fatica a decollare. Vengono, però, accolte con entusiasmo dai giovani, affascinati dalle logorroiche conferenze (anche oltre le dieci ore) che, con energia inesauribile, Buckminster Fuller  tiene in ogni parte del Paese.

Nel 1966 a Città di Trinidad, nel Colorado, dieci ragazzi e tre ragazze, le utilizzano per realizzare una comune dal nome emblematico di Drop City. I materiali usati sono semplici e economici: aste di legno per l’ossatura portante, pezzi di lamiera di vecchie automobili per il rivestimento, pannelli di polistirene per l’isolamento termico. A ravvivarne l’aspetto, provvedono i colori vivi e brillanti: verde chiaro, nero e rosso,  blu e argento. Drop City diventa ben presto un modello per una generazione di ragazzi che al Vietnam e al carrierismo mostra di preferire l’amicizia, il libero amore, la musica, la droga.

 

Drop City

 

Un altro architetto che funge da punto di riferimento per i giovani hippy americani è il paesaggista Lawrence Halprin. Insieme con la moglie  Anna organizza tra il 1966 e il 1968 gli Experiments in Environment, seminari della durata di un mese che esplorano le interazioni tra il corpo e la natura. Evidente il riferimento alla body art e alle performances di Allan Kaprow, Yoko Ono, Yayoi Kusama, Bruce Naumann soprattutto nella esplorazione del corpo, nella disinibizione dei comportamenti, nella ricerca di atteggiamenti , anche sessuali, liberatori. Ma vi è , rispettto a queste ricerche artistiche, un originale e interessante approccio verso la natura, come dimensione con la quale entrare in simbiosi.

Nel 1967 Halprin disegna il Sea Ranch: è un complesso residenziale di 2.000 ettari in un territorio incontaminato 160 km. a nord di San Francisco. Previste 3.000 abitazioni che saranno poi progettate da Esherick,  Moore, Lyndon, Turnbull, Whitaker. Il programma imposto  da Halprin è fondato sui valori ambientali, indagati attraverso una analisi attenta che porta anche alla redazione di puntuali ecotabelle. Nessuna casa deve impedire la vista del mare, valorizzazione della vegetazione nativa, divieto assoluto di inserire piante estranee, materiali da costruzione compatibili con il contesto, perciò, in pratica, legno locale per le pareti, i tetti, le terrazze, gli spazi coperti e persino i patii. Insieme ai progetti a scala territoriale, Halprin realizza numerose sistemazioni naturalistiche di spazi urbani: tra questi il Ghirardelli Square a San Francisco, il Freeway Park a Seattle e il sistema di spazi aperti a Portland. E’ un nuovo modo di concepire lo spazio urbano: saturo di valenze paesistiche e, nello stesso tempo, accogliente verso le attività, anche le più informali,  degli utenti, tanto che non è azzardato parlare di un ecologismo situazionista di stampo americano.

Lawrence Halprin, Sea Ranch

 

Profeta dei giovani hippy americani è anche Paolo Soleri, un architetto torinese nato nel 1919, che trascorre un breve periodo a Taliesin, conquistato dall’organicismo wrightiano. Ma che abbandona nel 1947 perché incapace di tollerare l’aggressiva personalità del Maestro e, anche, perchè non concorda sullo sviluppo estensivo di Brodoacre City.

Paolo Soleri, Arcosanti, foto CodyR

 

Soleri è affascinato dalle comunità autosufficienti, fondate su principi naturali, spirituali e razionali, e tanto dense da favorire una intesa attività di incontro e di scambio. Ne propone numerose nei suoi disegni visionari. Le chiama arcologie, per sottolineare l’unitarietà della concezione architettonica e ecologica. Novanoah B, per esempio, è una città marina che si sviluppa per cerchi concentrici a partire da un nucleo iniziale. La struttura è tubolare tridimensionale e i depositi e i luoghi di produzione si trovano ai livelli inferiori per permettere alle abitazioni e ai luoghi di incontro di fruire dell’acqua dei canali e del verde degli alberi. Asteromo è un asteroide previsto per 70.000 abitanti. E’ un cilindro che al suo interno ne contiene un altro di dimensioni minori. Lo spazio tra i due volumi ospita le attrezzature tecniche. La parete interna del cilindro inscritto è  tappezzata con vegetazione alimentata da un ciclo di anitride carbonica e ossigeno. Gli abitanti, spinti dalla forza centrifuga, vi poggeranno i loro piedi e le loro costruzioni.  Proposte irrealizzabili? Forse. Fatto sta che Soleri realizza in Arizona nel 1970 il primo nucleo di una comunità. Vi confluiscono hippy, intellettuali alternativi, studenti che anno dopo anno, con le loro mani costruiscono una nuova città: Arcosanti.

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

 

 

Leave A Response