presS/Tletter
 

PROGETTO FINALISTA – Premio Fondazione Renzo Piano 2013 – MATTEO CASARI ARCHITETTI

matteo casari architetti
abitazione privata urgnano

matteocasariarchitetti_3

descrizione
La casa è edificata in un piccolo lotto all’interno di una zona d’espansione residenziale nel territorio di Urgnano (BG). Le condizioni del luogo di progetto vengono interpretate per dissonanza e l’affaccio diretto verso l’esterno viene negato. Nella moltitudine tipologica e stilistica del contesto il volume, a pianta rettangolare orientata parallelamente a via Basella, riduce a pochi gesti il rapporto muto con l’esterno.
La scatola in calcestruzzo antracite, sollevata da terra di un metro e mezzo, consente una sola effrazione: l’ingresso, assecondato anche da una leggera piega della parete vetrata che divide il portico.
All’esterno quel che non è cemento è vetro, a cui è delegato il diaframma, non solo tra interno ed esterno, ma anche tra i due interni differenti dell’abitazione e del portico.
Al rettangolo di base si giustappone il rettangolo in misura della piscina, unico elemento non contenuto nella scatola.
(matteo casari architetti)

scarica la scheda n.01 del progetto
scarica la scheda n.02 del progetto

crediti
nome studio: matteo casari architetti  
nome progetto: abitazione privata urgnano – bg
indirizzo: via basella s.n.
città: urgnano – bg
progettisti: arch. matteo casari e arch. valentina giovanzani
collaboratori: silvia previtali, raffaele rota
progettazione strutturale: chiappa ingegneri associati
periodo di progettazione: 2010
periodo di realizzazione: 2011-2012
data completamento opera: 24/04/2012
committente/proprietario: privato
tipologia intervento: nuova costruzione
destinazione intervento: residenziale
dimensioni opera: 350 mq
costo: 550.000,00 euro
costo/mq opera: 1570 euro/mq
imprese esecutrici: nuovo modulo s.p.a. – elettroimpianti med – s.a.vi.m.
fotografie: andrea martiradonna

note biografiche
matteo casari architetti (verdellino – bg).
matteo casari (treviglio – bg, 1978),  valentina giovanzani (milano, 1978).

 

Leave A Response