presS/Tletter
 

Terre di nessuno_acquerelli e fotovisioni 2007-2014 di Mauro Andreini

terre

Mauro Andreini. Terre di nessuno
acquerelli e fotovisioni 2007-2014

Sale affrescate del Palazzo comunale PISTOIA, Piazza del Duomo 1
5-17 Maggio 2015 Lun/Ven  11.00 – 19.00 Sab/Dom 10.00 – 18.00

Conferenza/Presentazione Venerdi 8 Maggio ore 15.00
Promossa e organizzata da Ordine Architetti Pistoia e Comune di Pistoia

(n. 3 CFP per la partecipazione alla sola conferenza iscrizioni su https://imateria.awn.it evento pitturArchitettura Ordine Architetti Pistoia)

Si aprirà martedì 5 Maggio la mostra “Terre di Nessuno”, una raccolta di acquerelli e fotovisioni di Mauro Andreini allestita nelle Sale Affrescate dello storico Palazzo comunale di Pistoia. Promossa dall’Ordine Architetti Pistoia col patrocinio del Comune di Pistoia, la mostra è suddivisa in nove sezioni tematiche “Nova Atlantide”, “Architetture visionarie”, “Fotovisioni”, “Dopo la fine del mondo”, “Futuro dell’abitare ai margini”, “Architettura morta”, “Ritratti di luoghi”, “Massacro del Sand Creek” e “Vecchi posti di provincia”.

Mauro Andreini, da sempre unisce all’attività architettonica una intensa produzione disegnativa, entrambe ampiamente documentate in numerose riviste, libri ed in importanti mostre e rassegne, in Italia e all’estero. “Terre di Nessuno” costituisce la recente produzione di Mauro Andreini, una serie di paesaggi e luoghi immaginari, caratterizzati dal “naturalismo metafisico”, tipico dell’autore.

La conferenza di presentazione si terrà Venerdi 8 Maggio alle ore 15.00 nell’auditorium delle Sale affrescate con gli interventi istituzionali dell’Assessore alla Cultura del Comune di Pistoia, del Presidente e del Segretario dell’Ordine Architetti di Pistoia, a seguire l’intervento di Alfonso Acocella, professore ordinario dell’Università di Ferrara, e infine dell’autore che racconterà “La mia storia di provincia, tra pittura e architettura”. La mostra sarà visitabile tutti i giorni feriali dalle 11 alle 19, i festivi dalle 10 alle 18.

Leave A Response