presS/Tletter
 

Uno scandalo? – di Marco Ermentini

Il sindaco è contrariato: proprio all’ingresso della città lombarda un vecchio edificio molto degradato e in parte  crollato è uno spettacolo scandaloso. Mi confessa che è un vero cruccio per la sua amministrazione e molti cittadini protestano. In realtà si tratta di una vecchia cascina che resiste con tenacia alla globalizzazione inevitabile. Tutto intorno villette, condomini e capannoni la strozzano come un boa.

È uno dei più strani fenomeni del paesaggio urbano contemporaneo: tutto quello che crolla per la vecchiaia (dagli edifici alle nostre facce) deve essere oggetto di un restauro cosmetico. In Occidente non sopportiamo le tracce del tempo, ne abbiamo paura e siamo obbligati a cancellarle e a rifare tutto nuovo di zecca, tutto deve sembrare perfetto e giovane come nella pubblicità. Così quello che non produce profitto immediato è condannato all’abbandono e alla demolizione. Certo questo discorso non vale per i luoghi feriti dai terremoti.

Ma siamo proprio sicuri che le rovine non facciano parte della nostra vita?

 

Leave A Response