presS/Tletter

Napoli

Le Vele di Scampia – di Massimo Locci

Le Vele di Scampia – di Massimo Locci

La questione della programmata demolizione delle Vele di Scampia pone alla comunità dei progettisti una serie di questioni, ragionamenti che valgono anche per lo ZEN di Palermo, per il Laurentino 38, per Tor Bella Monaca e per il Corviale di Roma, per il Rozzol Melara di Trieste e per tutti i quartieri di edilizia residenziale [...]

ottobre 17, 2016 Massimo Locci Contro-Architettura di Massimo Locci 0

Cose d’Egitto, al MANN di Napoli – di Eduardo Alamaro

Cose d’Egitto, al MANN di Napoli – di Eduardo Alamaro

Tutto sta nel come si raccontano le cose … le cose d’Egitto, a Napoli. Prendete ad esempio la storia del collezionista e avventuriero dell’800 Giuseppe Picchianti, riemersa ora per la riapertura, venerdì scorso, di gran successo, delle sale della collezione egizia al MANN di Napoli. E ciò perché la collezione raccolta in Egitto dal Picchianti [...]

ottobre 9, 2016 Eduardo Alamaro Parole 0

Memory cache … com’è Belli il Mondo… – di Eduardo Alamaro

Memory cache … com’è Belli il Mondo… – di Eduardo Alamaro

Una parola al giorno ‘e PresS/T: Carriera. Meglio, sillabato: Car-riè-ra. Approfondisco da Wikipedia il significato e l’etimologia di Carriera: “percorso professionale. … dal latino carrus, carro, da avvicinare a currere, correre. … via percorsa da carri; (spesso il meno umano), contrapponendosi alla famiglia, alle passioni, alle andatura veloce del cavallo …” Leggo ancora: “… è [...]

giugno 12, 2016 Eduardo Alamaro Parole 1

Il nutrimento dell’architettura [41] – di Davide Vargas

Il nutrimento dell’architettura [41] – di Davide Vargas

  Funziona così il nutrimento. Ho letto un racconto di Daniele Del Giudice. Si chiama Fuga ed è ambientato nel Cimitero delle 366 Fosse a Napoli. Non sapevo fosse opera di Ferdinando Fuga. Allora ho fatto una ricerca. Costruito nel 1762 per dare una sepoltura dignitosa ai poveri. Un impianto complesso. C’è un cortile a [...]

giugno 5, 2016 Davide Vargas Città della poesia di Davide Vargas, Parole 0

Metti l’albero tuo ne lo inferno mio … – di Eduardo Alamaro

Metti l’albero tuo ne lo inferno mio … – di Eduardo Alamaro

Confini, limiti, frontiere. Città “suscettibili”, città liminali, città travestite. Labilità, superamento del genere, transgender per natura e necessità. Napoli regina del “menefottismo postmoderno”, città “naturale e strafottente”, efebica, irriducibile all’integrazione e a tutte le modernizzazioni “toste” che pur hanno attraversato nei secoli il suo corpo di città-metropolì. Corpo di Napoli millenario aitante & trans- aiutante [...]

maggio 8, 2016 Eduardo Alamaro Parole 1

Le mele di De Masi e le mele di Cezanne – di Eduardo Alamaro

Le mele di De Masi e le mele di Cezanne – di Eduardo Alamaro

Un mezzo flop. La presentazione alla Feltrinelli della “Napoli 2025” di Domenico de Masi & C. è stata un mezzo flop. Brutto segno, brutto sogno: la metropoli campa-Na campa a giornata, pare spenta, demotivata. Non crede più a niente e a nessuno. Non è credente nelle previsioni ragionevoli e nel futuro argomentato. Nel “fare città”. [...]

maggio 1, 2016 Eduardo Alamaro Parole 0

‘o SangheNapule nella Milano design – di Eduardo Alamaro

‘o SangheNapule nella Milano design – di Eduardo Alamaro

AAA attenziò, attenziò … aaaAlex Zanotelli, il padre comboniano che fa il missionario a Napoli, alla Sanità, è sconfortato ma non demorde. Anzi morde, grida ancora più forte: “Padre nostro, perché ci hai abbandonato? Perché hai abbandonato questa città metropolitana?” A domanda del cronista così risponde: “Napoli? Napoli-oggi è la piazza di spaccio più grande [...]

aprile 25, 2016 Eduardo Alamaro Parole 0

Il nutrimento dell’architettura [36] – di Davide Vargas

Il nutrimento dell’architettura [36] – di Davide Vargas

  Sulle pareti dell’OPG nel centro storico di Napoli un recluso con la pelle verde e gli occhi bianchi spezza le catene e sembra volersi mangiare la città. E si capisce perché. La città condivide lo stesso urlo disperato. Alle sue spalle un altro omone con la faccia rossa cerca di strapparsi di dosso la [...]

aprile 25, 2016 Davide Vargas Città della poesia di Davide Vargas, Parole 0

Bella figliola ca te chiamme Rosa, chiena ‘e spleen et idéal! – di Eduardo Alamaro

Bella figliola ca te chiamme Rosa, chiena ‘e spleen et idéal! – di Eduardo Alamaro

“ …. Perché io sono la prima e l’ultima / Io sono la venerata e la disprezzata / Io sono la prostituta e la santa / Io sono la sposa e la vergine, / Io sono la mamma e la figlia … / Rispettatemi sempre, poiché Io sono la scandalosa e la magnifica….” Ve piace? [...]

marzo 20, 2016 Eduardo Alamaro Parole 0

Il nutrimento dell’architettura [32] – di Davide Vargas

Il nutrimento dell’architettura [32] – di Davide Vargas

  Ho fatto un giro per le stazioni della metropolitana di Napoli con due amici NON architetti. Certo, gente sensibile alla materia ma comunque estranei alla disciplina. Mi hanno colpito due cose. Una. Che per quanto bistrattata l’architettura comunica sensazioni potenti. Positive o negative. Nette. Categoriche Insomma, senza mezzi termini [dico alle persone, laddove noi [...]

marzo 20, 2016 Davide Vargas Città della poesia di Davide Vargas, Parole 0